Ausarbeitung der archäologischen Exkursion nach Cosa-Ansedonia

Eine frühe römische Kolonie bei Orbetello in der südlichen Toskana


Elaboration, 2010
7 Pages, Grade: 1,0

Excerpt

Escursione a Cosa/Ansedonia: la basilica

1) Bibliografia:

Brown, Frank E. (1980): Cosa. The Making of a Roman Town, Ann Arbor - The University Press of Michigan.

Brown, Frank E., et al. (1993): Cosa III - The Buildings of the Forum. Colony, Municipium, and Village. Memoirs of the American Academy in Rome XXXVII, The Pennsylvania State University Press, pp. 207-236.

Torelli, Mario (1982): Etruria, Guide archeologiche Laterza. Bari, pp. 194-212.

2) Cornice storica

- Colonia fondata nel 273 a. C. (Vell.Pat. I 14 + Liv. Per. 14)
- si trovava allora ai confini del territorio controllato dai Romani: ‘‘maiestatem populi Romani comiter conservare" (Brown 1980, p. 2)
- Abitazione etrusca dal nome gentilizio "Cusate"
- 3 guerre puniche (Livio): I 264-241 (Sicilia)/ Il 218-201 (Annibale & Cannae) / III 149­146 (distruzione di Cartagine) [Abbildung in dieser Leseprobe nicht enthalten] Cosa: scopo di controllare il mare in preparazione della prima guerra
- aggiunta di coloni: richiesto nel 199 (rifiuto); concesso nel 197 [Abbildung in dieser Leseprobe nicht enthalten] ripresa della produzione edilizia (soprattutto sul foro a partire di 150): "With the arrival of the new colonists a new phase of construction began which lasted through the whole century changing deeply the face of the town and countryside." (Brown 1980, p. 32s.)
- trasformazione degli spazi pubblici (Torelli, p. 194: "l'ingrandirsi e l'abbellirsi"): la grande basilica viene costruita sul foro

3) Definizione di "basilica"

- Dal greco ßaoikiKq axoá, cioè palazzetto del re (basilica domus)
- All'origine il nome per grandi edifici sontuosi destinati per dibattimenti giudiziari e operazioni commerciali: "Basilicarum loca adiuncta foris quam calidissimis partibus oportet constitui, ut per hiemem sine molestia tempestatium se conferre in eas negotiatores possint [...]." (Vitruv. V 1, 4)
- Nuovo tipo di edificio a Roma (nei 40/30 anni precedenti) [Abbildung in dieser Leseprobe nicht enthalten] possibile estensione coperta del foro: uno spazio ampio e coperto, luminoso e non ostruito per l'uso pubblico: "The Roman basilica was, in one sense, the offspring of the atrium unit, in another, of the Hellenistic, two-storied portico.” (Brown 1980, p. 56).

Nel corso della cristianizzazione, il termine si attaccava alle chiese (che erano loro stesse costruite secondo l'antico modello pagano)

Abbildung in dieser Leseprobe nicht enthalten

Informazioni generali della basilica di Cosa:

superficie quasi rettangolare:

35,89m X 27,05m = 940,82 m1

- altezza delle navate: ~ 40 piedi (12,20m)
- capacità delle cisterne sotterranee: 634,76 m2

4) La basilica

- spazio finora non usato tra Comizio e la porticus
- Contemporaneo (all'incirca) alle basiliche romane più antiche (~ 150 av. Cr.)
- colonnato esterno sul foro; Spazio centrale con colonne tuscaniche su tutti i 4 lati
- sotto la basilica: 2 cisterne incise nella roccia in modo parallelo
- In fondo al lato lungo (chiuso), in una nicchia è il tribunal sopraelevato (40cm) con due colonne ioniche: accogliere i magistrati impegnati nell'amministrazione della giustizia; in fondo, il territorio si inclina leggermente: bisognava aggiungere un fondamento più spesso; rispetto al foro, il pavimento era sopraelevato con 2 gradini.
- Le misure delle 4 navate dell'ambulacro non erano uguali tra di loro (differenze funzionali): anche l'intervallo tra le colonne non era sempre lo stesso, ma erano collocate secondo le esigenze di reggere bene il peso della soprastruttura.
- L'originale decorazione delle pareti è rimasta solo in una striscia stretta e molti piccoli frammenti policromi: "Only the rear aisle of the Basilica was decorated, while the other two sides were left in plain creamy white." (Brown 1993, p. 219)
- c'era un secondo piano (anche colonnato), però con una balconata (maenianum) che girava intorno all'edificio sopra le navate: questo piano chiaro era completamente aperto [Abbildung in dieser Leseprobe nicht enthalten] permetteva lo sguardo sul foro dove si svolgevano anche i giochi dei gladiatori che in quell'epoca normalmente erano state celebrate qui (non c'era mai un anfiteatro a Cosa): "In its design the technical factors of roofing and lightning were paramount.[...] simplicity itself. [...] Given the load of roof, timbers and tiles, to say nothing of the wind-load, the roof might well seem a risky engineeringfeat. Yet, it stood for some two hundred years. [...] pavilionlike lightness." (Brown 1980, p. 57s)
- [Abbildung in dieser Leseprobe nicht enthalten] gli architetti avevano già fatto attenzione ai principi che Vitruvio fissò più di 100 anni dopo! Non sono stati fatti dei cambiamenti fino alla fine dell'età repubblicana!
- Modello era la Basilica Aemilia a Roma (costruita nel 179 a. C.)
- simulacrum Romae (Torelli, p. 202): si può dedurre dallo stato degli edifici delle colonie lo stato di quelli a Roma in età repubblicana
-"Finally, after a century and a quarter, the enclosure of the square was complete. The master plan of the Forum was achieved." (Brown 1980, p. 58)
- In epoca neroniana, il complesso fu ristrutturato
- tribunale: i resti di una basilica (paleo-)cristiana del VI sec. d.C.: unica navata e una grande abside (usando il muro di fondo e il colonnato) [Abbildung in dieser Leseprobe nicht enthalten] uno dei rarissimi documenti paleocristiani dell'Etruria e uno dei pochissimi edifici di età imperiale a Cosa 3 2 3 4 5 6

Abbildung in dieser Leseprobe nicht enthalten

[...]

Excerpt out of 7 pages

Details

Title
Ausarbeitung der archäologischen Exkursion nach Cosa-Ansedonia
Subtitle
Eine frühe römische Kolonie bei Orbetello in der südlichen Toskana
College
University of Florence  (Facoltà di lettere - Storia e tutela dei beni archeologici)
Course
Storia dell'Italia antica
Grade
1,0
Author
Year
2010
Pages
7
Catalog Number
V210383
ISBN (eBook)
9783656379362
File size
744 KB
Language
Italian
Notes
Dies ist das vollständig ausgearbeitete Material einer Exkursion am 23. Mai 2011 in die römische Frühkolonie Cosa/Ansedonia bei Orbetello (Provinz Grosseto/Toskana). Es enthält das zugehörige Thesenpapier, die behandelten Textstellen der antiken Autoren, das Skript des vor Ort gehaltenen Vortrages sowie den Vorschlag einer didaktischen Zusatzaufgabe inklusive aller erforderlichen bibliografischen Angaben. Die Ausarbeitung ist in italienischer Sprache verfasst, da die besagte Exkursion Teil einer Lehrveranstaltung während des ERASMUS-Studienaufenthaltes in Florenz im Jahre 2010/11 gewesen ist.
Tags
ausarbeitung, exkursion, cosa-ansedonia, eine, kolonie, orbetello, toskana
Quote paper
Hendrik Keilhauer (Author), 2010, Ausarbeitung der archäologischen Exkursion nach Cosa-Ansedonia, Munich, GRIN Verlag, https://www.grin.com/document/210383

Comments

  • No comments yet.
Read the ebook
Title: Ausarbeitung der archäologischen Exkursion nach Cosa-Ansedonia


Upload papers

Your term paper / thesis:

- Publication as eBook and book
- High royalties for the sales
- Completely free - with ISBN
- It only takes five minutes
- Every paper finds readers

Publish now - it's free