Le conseguenze del turismo di massa sulla città di Venezia


Seminar Paper, 2020

12 Pages, Grade: 1,7


Excerpt

Inhaltsverzeichnis

1 Introduzione

2 Il turismo
2.1 La definizione di „Turismo“

3 La destinazione Venezia
3.1 La storia
3.2 Perché Venezia?

4 Le conseguenze del turismo di massa
4.1 Conseguenze sociali
4.2 Conseguenze ecologiche
4.3 Conseguenze economiche
4.4 Conclusione preliminare

5 Prospettive

6 Conclusione

Bibliografia

1 Introduzione

Dopo la Spagna, l'Italia è la destinazione più popolare per i tedeschi. Le vacanze sono parte integrante delle famiglie ogni anno. Si vuole vivere la cosiddetta Dolce Vita, rilassarsi in riva al mare e dimenticare la vita quotidiana. Oltre alla capitale italiana Roma, c'è una città del nord che attira soprattutto i turisti: Venezia. Molti desiderano fare un pittoresco giro in gondola e prendere un caffè in Piazza San Marco. I turisti vengono da tutto il mondo e quando arrivano in città, sentono tutti i tipi di lingue. Quello che in realtà suona come uno scambio culturale e interessante, in realtà sembra completamente diverso. I critici sostengono che Venezia è sulla strada per una Disneyland italiana! La città sul mare del Veneto, infatti, ha sempre più le caratteristiche di un parco divertimenti. Sono innumerevoli i turisti che ogni giorno visitano il centro storico, ma che sembrano più interessati alle passeggiate in gondola e alle maschere di carnevale che alla storia e alla cultura di questa città. Naturalmente, si tratta anche di scattare buone foto per poterle poi pubblicare sui social media. Spesso si dimentica che in città ci sono anche abitanti e che qui vivono la loro vita quotidiana. Si può già parlare di uno sfruttamento di Venezia. Questa tendenza è visibile in tutto il mondo e anche altre città come la capitale olandese Amsterdam o l'isola di Maiorca in Spagna ne sono interessate, che hanno già adottato misure contro il turismo di massa. Con il numero crescente di visitatori all'anno questi luoghi stanno cambiando e il turismo di massa sta mostrando le sue conseguenze. Questo solleva la questione di quanto il gigantesco turismo incida socialmente, economicamente ed ecologicamente sulla città di Venezia e quanto ne soffra. Questa relazione di seminario si occupa di turismo di massa. L'attenzione è rivolta alla città di Venezia in Veneto e alle conseguenze sociali, ecologiche ed economiche del turismo sul luogo. L'obiettivo di questa relazione di seminario è quello di presentare le conseguenze del turismo sulla città del nord Italia. Lo scopo è raggiunto presentando le cause e i loro effetti. Prima di tutto, la base teorica viene chiarita presentando il termine "turismo" nel secondo capitolo. Infine, nel terzo capitolo si spiega la storia di Venezia e si spiega cosa rende la città di Venezia così speciale e perché attira molti turisti. Nel quarto capitolo vengono spiegate le conseguenze sociali, ecologiche ed economiche del turismo di massa sulla città settentrionale. In seguito, nel quinto capitolo, viene fatta una conclusione preliminare. Una prospettiva nel sesto capitolo è quella di spiegare le possibili misure della città. Il sesto e ultimo capitolo della relazione di seminario si conclude con una conclusione.

2 Il turismo

2.1 La definizione di „Turismo“

Il turismo descrive il traffico nazionale e internazionale dei viaggiatori tra la casa e la destinazione di vacanza, il soggiorno temporaneo che gli stranieri trascorrono nella destinazione, nonché l'organizzazione della preparazione del viaggio e del follow-up del viaggio nella località di origine. La teoria del turismo si occupa della totalità delle relazioni e dei fenomeni legati al viaggio. Attraverso una definizione più ristretta è possibile considerarne aspetti parziali. La teoria economica del turismo, ad esempio, si occupa principalmente degli aspetti economici del viaggio. Ciò include la gestione e il finanziamento dei viaggi e delle aziende coinvolte. Nel 1993 l'Organizzazione Mondiale del Turismo ha definito il turismo come segue: 'Il turismo comprende le attività delle persone che si recano in luoghi al di fuori del loro ambiente abituale e vi soggiornano per non più di un anno senza interruzioni per svago, affari o per determinati altri scopi. (cfr. Freyer, 2015, p. 1-2)

3 La destinazione Venezia

3.1 La storia

La storia di Venezia inizia nel V secolo d.C. quando gli abitanti della terraferma veneziana migrarono verso le isole della laguna. Lì si sono protetti dagli attacchi dei Visigoti e degli Unni. Anche quando il pericolo era passato, gli espulsi rimasero sull'isola e vi si stabilirono. Dal X secolo Venezia divenne una delle più importanti metropoli commerciali del Mediterraneo. Ciò permise alla città di espandere la sua flotta a metà dell'XI secolo e fu considerata la forza navale più influente del Mediterraneo. Così facendo, sono riusciti a conquistare non solo paesi come la Siria, il Libano, la Giordania o la Palestina, ma anche parti dell'Asia. Nel corso del XV secolo, la città ha vissuto un momento di straordinario splendore in campo politico, economico e culturale. Divenne un centro di commercio internazionale e di economia internazionale. Dopo la scoperta dell'America e della rotta marittima verso l'India nel XVI secolo, l'ex metropoli commerciale marittima ha perso il suo potere. Anche la sua importanza politica è diminuita sempre più. Nel XVIII secolo Venezia si è sviluppata in una delle città più grandi grazie ai suoi tesori d'arte, che in parte vivevano di turismo. La visita della città è diventata parte del Grand Tour. Napoleone occupò Venezia nel XIX secolo e poi appartenne a volte all'Italia, a volte all'Austria. Nel 1866, quando Venezia fu assorbita dall'Italia adatta, divenne il capoluogo della provincia del Veneto. (cfr. Fehr, 2019a)

3.2 Perché Venezia?

Venezia è stata dichiarata patrimonio dell'umanità dall'UNESCO nel 1987. Costruita su 118 piccole isole, la città ha una delle più alte concentrazioni di capolavori al mondo. Edifici come la Cattedrale di Torcello o la Chiesa di Santa Maria della Salute ad altri monumenti come Piazza San Marco o il Palazzo Ducale attirano i turisti. Oltre ai capolavori architettonici, è possibile scoprire anche l'arte di Giorgione, Tiziano, Tintoretto, Veronese. (cfr. UNESCO Venezia, 2020) Venezia offre anche una spiaggia, il Lido di Venezia. C'è anche la Biennale, la Festa del Redentore e una regata in gondola. Ma anche il carnevale attira alcuni turisti nella città al mare. (cfr. 118 Inseln, 2020)

4 Le conseguenze del turismo di massa

4.1 Conseguenze sociali

Nel frattempo, Venezia conta sempre meno abitanti. Nel 1969 la città contava ancora 360.000 abitanti. Nel 2020 ci sono solo 260.000 abitanti. Una migrazione è particolarmente evidente nel centro storico turistico di Venezia. Nel 1951, nel centro storico vivevano ancora 174.000 abitanti, oggi solo 60.000 abitanti. I critici del turismo ammoniscono che a causa dei grandi flussi turistici sarebbe impossibile per i veneziani soggiornarvi. Una vita normale al di fuori del turismo è difficile per la popolazione. Mentre nel 2000 nel quartiere di Dorsoduro c'erano ancora macellai, negozi di verdura, panettieri e fiorai, negli anni successivi si è potuto constatare che sono stati sostituiti da negozi di souvenir e catene di fast-food. (cfr. Kirstges, 2020, pp. 111-112) Inoltre, la città è anche sede di venditori provenienti dall'Africa e dall'Asia che vendono orologi, occhiali da sole e abbigliamento falsi. (cfr. Meyer-Hentrich, 2019, p. 161) Molti veneziani devono quindi andare in terraferma per fare la spesa. (cfr. Fehr, 2019b) Di conseguenza, anche intere professioni come insegnanti, avvocati o specialisti informatici sono emigrati. (cfr. Kirstges, 2020, pp. 111-112) Ci sono sempre meno medici, poiché gli affitti per gli studi medici sono inaccessibili. (cfr. Meyer-Hentrich, 2019, p. 161) Ma anche il costo della vita a Venezia dovrebbe essere tre volte più alto che nei luoghi vicini. (cfr. Touristikpresse, 2009) Soprattutto i giovani non possono permettersi di vivere a Venezia. L'età media della popolazione, pur essendoci un'università con circa 23.000 studenti, è di 47 anni (dal 2015). In ogni caso, Venezia non ha molto da offrire ai giovani: I club, le discoteche o i cinema sono pochi e lontani tra loro, le bevande nei bar sono costose per i turisti. (cfr. Fehr, 2019b) A causa dei numerosi turisti, anche i mezzi pubblici sono estremamente affollati. Durante il carnevale popolare, la folla di turisti è la più grande. Pertanto, molti veneziani scappano per due settimane dalla loro città natale per sfuggire alla festa commerciale. (cfr. Touristikpresse, 2009) Un altro problema che causa molti problemi alla popolazione sono gli alti prezzi degli affitti e la carenza di alloggi a Venezia. Spesso gli abitanti devono trasferirsi sulla terraferma, poiché quasi nessuno può permettersi gli alti affitti. (cfr. Meyer-Hentrich, 2019, p. 160) A causa dello stato di degrado degli edifici, gli alti affitti sono spesso accompagnati da costi per i lavori di ristrutturazione. (cfr. Fehr, 2019b) Gli appartamenti vengono per lo più venduti a stranieri facoltosi, che a loro volta li affittano ad altri stranieri per aumentare la loro ricchezza. In questo modo gli investitori stranieri riescono a spostare la popolazione. Secondo l'amministrazione comunale, un appartamento su quattro in città viene affittato illegalmente ai turisti. (cfr. Meyer-Hentrich, 2019, p. 160) Inoltre, il turismo airbnb dovrebbe anche contribuire all'appropriazione indebita di alloggi. (cfr. Kirstges, 2020, p. 106) Airbnb è una piattaforma online dove i padroni di casa pubblicizzano gli alloggi vacanti che possono essere prenotati dai viaggiatori. (cfr. Airbnb, 2020) Numerose case vengono ora affittate a ricchi stranieri e servono come seconde case o case di vacanza. Questo porta al fatto che molti palazzi sono vuoti per la maggior parte dell'anno. (cfr. Fehr, 2019b) La locazione a breve termine di spazi abitativi privati dovrebbe anche rendere più costoso lo spazio abitativo nei centri urbani. (cfr. Orf.at, 2019) Solo tra il 2000 e il 2007 la percentuale dei bed and breakfast è aumentata del 1008 per cento, ovvero dieci volte. Nel centro storico della città vecchia c'erano 41 nuovi hotel in questo periodo, la maggior parte dei quali si trovavano in palazzi patrizi. (cfr. Karsten, 2012, p. 119) Attraverso la limitazione e la globalizzazione dello spazio pubblico, la città può perdere la sua cultura e il suo specifico atteggiamento verso la vita. (cfr. Kirstges, 2020, p. 100) Si stima che Venezia sia stata visitata da circa 10 milioni di turisti nel 2018. Oltre a questo, ci sono circa 20 milioni di visitatori giornalieri all'anno. (cfr. ivi, p. 111) Questo può portare all'alienazione (gentrificazione) in quanto ci sono più viaggiatori che abitanti. I residenti dovrebbero quindi sentirsi inferiori e stranieri. Il risultato è tensione sociale e aggressività nei confronti dei turisti. (cfr. ivi, p. 100) Lo dimostrano le numerose proteste dei veneziani che hanno distribuito manifesti e volantini per mandare via i turisti. Il movimento civile No Grandi Navi manifesta da anni contro il turismo di massa e soprattutto contro i turisti diurni delle navi da crociera. (cfr. ivi, pp. 114-115)

4.2 Conseguenze ecologiche

I problemi ecologici derivano principalmente dal turismo crocieristico a Venezia. Ogni giorno sono attesi a Venezia circa 30.000 passeggeri giornalieri delle navi da crociera. (cfr. ivi, p. 111) Allo stesso tempo, anche il numero di navi è in continuo aumento. Dal 2000 al 2007, il numero dovrebbe passare da 200 a 510 all'anno. (cfr. Karsten, 2012, p. 121) Ora si suppone che ci siano 1000 chiamate di navi da crociera all'anno. Le navi sono di dimensioni enormi e alcune di esse sono lunghe anche 400 metri, larghe 40 metri e alte 30 piani. La laguna già minacciata e il delicato ecosistema saranno danneggiati. In origine, la laguna era profonda circa un metro. Per consentire il passaggio di navi ancora più grandi attraverso i canali, è stato scavato fino a undici metri di profondità. I critici sostengono che ciò sia in parte responsabile dei ripetuti alti livelli d'acqua. Ma anche gli edifici sono in pericolo, perché i movimenti delle navi causano un grande spostamento d'acqua. L'acqua viene premuta contro le fondamenta degli edifici e poi torna a scorrere, destabilizzando le fondamenta. (cfr. Kirstges, 2020, p. 113) Venezia sorge su muri di fondazione e assi di legno e questi sono danneggiati dalla fornitura permanente di ossigeno. Per questo motivo, ad esempio, i ponti con crepe e cavità causate dalle navi da crociera devono essere riparati. (cfr. Meyer-Hentrich, 2019, p. 160) Tuttavia, l'inquinamento atmosferico è anche un problema ecologico che può essere attribuito alle navi da crociera. Si dice che in alcuni giorni siano state misurate fino a 200.000 particelle di polveri sottili per centimetro cubo d'aria. (cfr. Kirstges, 2020, p. 113) Ogni giorno dalle navi vengono emesse tonnellate di ossidi di azoto e di biossido di zolfo che inquinano il tessuto dei monumenti. Questo non dovrebbe danneggiare solo l'ambiente, ma anche gli abitanti. Negli studi dell'Istituto di Ricerca sul Cancro, a Venezia si riscontra un'incidenza sproporzionatamente alta di cancro ai polmoni. (cfr. Meyer-Hentrich, 2019, p. 165) Ma non solo le grandi navi, ma anche i numerosi taxi d'acqua, i vaporetti e le imbarcazioni private distruggono le fondamenta della città. Questo, insieme all'innalzamento del livello dell'acqua, significa che l'esistenza fisica della città è in pericolo. (cfr. Karsten, 2012, p. 121) A causa del turismo di massa la città ha un grosso problema con la spazzatura. Ogni anno a Venezia si producono decine di migliaia di tonnellate di rifiuti. A causa dei prezzi elevati di snack e bevande, molti turisti portano con sé cibo fatto in casa. Questi vengono poi spesso mangiati in luoghi pubblici e sulle scale. La spazzatura di solito viene lasciata lì. (cfr. Fehr, 2019b)

[...]

Excerpt out of 12 pages

Details

Title
Le conseguenze del turismo di massa sulla città di Venezia
Grade
1,7
Author
Year
2020
Pages
12
Catalog Number
V956787
ISBN (eBook)
9783346306906
ISBN (Book)
9783346306913
Language
Italian
Tags
Massentourismus, Venedig, Tourismus
Quote paper
Lisa Bauer (Author), 2020, Le conseguenze del turismo di massa sulla città di Venezia, Munich, GRIN Verlag, https://www.grin.com/document/956787

Comments

  • No comments yet.
Read the ebook
Title: Le conseguenze del turismo di massa sulla città di Venezia



Upload papers

Your term paper / thesis:

- Publication as eBook and book
- High royalties for the sales
- Completely free - with ISBN
- It only takes five minutes
- Every paper finds readers

Publish now - it's free