La recezione di Francesco Petrarca nei territori di lingua tedesca fino all‘illuminazione


Seminar Paper, 2009
15 Pages, Grade: 1,3

Excerpt

Inhaltsverzeichnis

1 Introduzione

2 Petrarchismo – il termine
2.1 Il termine nella letteratura di ricerca
2.2 Petrarchismo nella storia della letteratura come oggetto della tesina

3 L’inizio della recezione in territori di lingua tedesca
3.1 Il petrarca latinus
3.2 L’interesse crescente per lo stile, la forma e la poesia popolare

4 Paulus Melissus – Laura e Rosina

5 Martin Opitz e Paul Fleming – Petrarchismo durante il barocco

6 „Il petrarchismo illuminato“ – Friedrich Gottlieb Klopstock

7 Conclusione

8 Bibliografia

1 Introduzione

Francesco Petrarca fu già ammirato e imitato dai suoi contemporanei quando lui era ancora in vita. L’onda alta dell’imitazione – secondo le circostanze concentrati alle sue opere morali o la sua lirica popolare – arrivò prima in Francia, poi in Spagna, Inghil-terra, nei Paesi Bassi e alla fine anche in Germania.

Malgrado che oggi il termine del petrarchismo sia collegato all’imitazione del Canzo-niere, il termine esprime però molto di più. Non si tratta solo dell’imitazione del con-cetto d’amore di Francesco Petrarca ovvero l’adozione dei suoi mezzi stilistici. Sarà mostrato, che Francesco Petrarca nei territori di lingua tedesca fu appreso anche come umanista, filosofo e poeta popolare.

Questa recezione tanto molteplice fu una condizione importante per l’entrata del Can-zoniere e la sua imitazione e l’adozione nella lirica tedesca.

All’inizio della tesina il termine del petrarchismo viene circoscritto e definito per l’uso in questa tesina.

La cosa che segue (cap.3) è di mostrare quando e sotto quali aspetti fu appreso France­sco Petrarca nei territori di lingua tedesca per far vedere immediatamente lo sviluppo nel periodo della lirica barocca (cap.4).

Con l’inizio del petrarchismo secondo (Zweiten Petrarkismus) finisce questa tesina dando una breve previsione.

La tesina deve evidenziare, che la recezione di Francesco Petrarca nei territori di lin­gua tedesca non si limita solo alla recezione del Canzoniere. L’interesse per l’umanista e filosofo da alcuni autori tedeschi già dall’inizio fu un precursore molto importante.

2 Petrarchismo – il termine

2.1 Il termine nella letteratura di ricerca

Parlando in questa tesina della recezione di Francesco Petrarca nei territori di lingua tedesca, bisogna fare conto del collegamento al termine del petrarchismo e una delimi-tazione suo.

Secondo Gerhart Hoffmeister è pressoché impossibile definire il termine[1], come anche Achim Aurnhammer puntualizza:

Eine Klärung des Begriffes >Petrarkismus< erweist sich als schwierig, da die Skala der Nachahmungen von der Übersetzung bis zur freien Bearbeitung reicht und auch die inter-textuelle Abhängigkeit der Petrarkisten untereinander umfaßt.[2]

Nato mentre la prima onda dell’imitazione in Italia e usato per primo da Heinrich Hei­ne nei territori di lingua tedesca, è frattanto impossibile dare un carattere fisso al ter-mine, poiché l’imitazione si estende a traduzioni, revisioni libere, trasformazioni ori-ginali e creazioni nuove.[3]

L’uso molto flessibile del termine nella letteratura di ricerca risulta da un lato dall’etimologia non chiarita. Dall’altro lato il petrarchismo non è un sistema rigido, ma nel corso dei secoli ha cambiato tante volte sotto aspetti diversi e veniva interpretato in maniere diverse.

Gerhart Hoffmeister ha raccolto nel suo libro Petrarkistische Lyrik definizioni diverse sotto aspetti diversi e si riduce al termine del petrarchismo nella lirica. Considera da una parte aspetti contenutistici e dall’atra più fortemente aspetti linguistici.[4] Lui tenta anche di definire il termine del petrarchismo e lo distingue dai termini petrarchesco e dal sistema petrarchistico.

I petrarchisti sono secondo la definizione sua i discendenti di Francesco Petrarca, che lo imitano orientandosi al Canzoniere sotto gli aspetti linguistici e contenutistici, però anche i loro discendenti, i quali adottano per esempio motivi dei predecessori che non si trovano nel Canzoniere. Come partizione Gerhart Hoffmeister propone la distinzio-ne tra i primi e i secondi petrarchisti.[5]

Secondo gli aspetti della ricerca di Gerhart Hoffmeister si può considerare il petrarchi-smo o come il sistema d’amore del Canzoniere o la filosofia morale dei Trionfi e dei Griseldis.

Più conformemente con il petrarchismo è secondo lui più l’uso dei motivi e topos della lirica petrarchesca che l’uso soltanto della forma del sonetto per una poesia.[6]

2.2 Petrarchismo nella storia della letteratura come oggetto della tesina

La recezione di Francesco Petrarca può esser descritta più ampiamente con la recezio-ne di opere di Francesco Petrarca e quelle dei suoi discendenti nei territori di lingua tedesca.

Non ci si limita soltanto all’imitazione del Canzoniere, ma anche alla recezione del umanista e del filosofo Francesco Petrarca, e non si limita neanche alla letteratura, ma si estende anche sull’arte e sulla musica. Di solito si tratta dei motivi o una versione musicale che si riferiscono a Francesco Petrarca direttamente e indirettamente.

In questa tesina la recezione di Francesco Petrarca viene considerata nel corso della storia della letteratura in territori di lingua tedesca. Per primo si contempla il petrarca latinus in territori di lingua tedesca per guardare in seguito il poeta popolare, che co-mincia nei territori di lingua tedesca con Paulus Melissus e si manifesta con Martin Opitz e Paul Fleming nella lingua tedesca.

Come già detto prima esistevano forme diverse dell’imitazione delle opere di France­sco Petrarca e i suoi discendenti. Soprattutto nei territori di lingua tedesca queste for­me si mescolano con altri concetti d’amore e sistemi di lingua.

In base agli autori scelti e un’opera esemplare questa molteplicità viene considerato intensivamente.

3 L’inizio della recezione in territori di lingua tedesca

3.1 Il petrarca latinus

Francesco Petrarca era già conosciuto in territori di lingua tedesca quando lui era anco-ra in vita. Ai cortili europei era però più conosciuto come diplomatico che come uma-nista o anche poeta popolare.

Già dai tempi quando Francesco Petrarca fece i suoi viaggi al Rhino, a Basilea ed a Praga e dopo le visite da Carlo IV. esistono opere trasmesse nei territori di lingua tede-sca, che si orientano a Francesco Petrarca.

Per primo esistette il “Sogenannte Fürstenspiegel Karls IV.“ (1380) da Niccolò Becca-ri. In quel catalogo di virtù si trova un brano dell’opera latina di Francesco Petrarca De avaritia[7]che fa capire come Francesco Petrarca e la sua filosofia morale furono ap-prezzato anche nei territori di lingua tedesca.

Un'altra prova per l’entrata di Francesco Petrarca nella letteratura dei territori di lingua tedesca si trova nel 1400 nella Regione del Tirolo: la prima, fino ad oggi conosciuta traduzione dell’opera latina De remediis.[8] Anche quest’opera è una relazione morale di Francesco Petrarca e fa vedere l’importanza delle sue opere filosofiche.

Nel Quattrocento le opere di Francesco Petrarca appresero soprattutto studenti tede-schi, che furono in Italia per i suoi studi umanistici. Tramite loro le opere entrarono nei territori di lingua tedesca. Studenti come Nicola Rothenstein, Hermann il Tedesco, Heinrich di Prussia o anche Albrecht di Eyb, adottarono manoscritti, tradussero testi o presero brani per includerli nei testi loro.[9] Apprendendo queste opere, soprattutto De remediis, furono al centro gli aspetti contenutistici, quelli umanistici e filosofici.

Francesco Petrarca ancora non fu un esempio per uno stile linguistico molto esemplare nei territori di lingua tedesca.[10]

Nel 1469 fu pubblicato a Basilea l’ Opera latina, la prima edizione delle opere latine di Francesco Petrarca da Johann Amerbach.

[...]


[1] Cf.: Hoffmeister, Gerhart: Petrarkistische Lyrik, Stuttgart 1973, p.2. In seguito: Hoffmeister: Petrarkistische Lyrik.

[2] Aurnhammer, Achim: Petrarca in Deutschland. Ausstellung zum 700.Geburtstag (20.Juli 2004) im Goethe-Museum Düsseldorf 20.Juli2. September 2004, in Zusammenarbeit mit der Albert-Ludwigs Universität Frei­burg, Freiburg 2004, p.66. In seguito: Aurnhammer: Katalog.

[3] Cf.: Hoffmeister: Petrarkistische Lyrik, p.1

[4] Gerhart Hoffmeister defiisce il petrarchismo molto dettagliato sotto aspetti normativi, descrettivi, strutturali ebbene funzionali. Cf. Hoffmeister: Petrarkistische Lyrik, p.119-123.

[5] Cf.: Pyritz, Hans: Schriften zur deutschen Literaturgeschichte, hrsg. von Ilse Pyritz, Köln 1962, p.60. In segui-to: Pyritz: Schriften zur deutschen Literaturgeschichte.

[6] Cf.:Hoffmeister: Petrarkistische Lyrik, p.2.

[7] Cf.: Steinherz, Samuel: Ein Fürstenspiegel von Karl IV., Prag 1925.

[8] Cf.: Hoffmeister, Gerhart: Petrarca, Stuttgart; Weimar 1997, pp.106,107. In seguito: Hoffmeister: Petrarca.

[9] Cf.: Hoffmeister: Petrarca, p.107 ; Aurnhammer: Katalog, p.49 ; Geiß, Jürgen: Zentren der Petrarca-Rezeption in Deutschland (um 1470-1525). Rezeptionsgeschichtliche Studien und Katalog der lateinischen Drucküberliefe-rungen, Wiesbaden 2002, p.6. In seguito: Geiß: Zentren der Petrarca-Rezeption.

[10] Cf.: Aurnhammer: Katalog, p.49.

Excerpt out of 15 pages

Details

Title
La recezione di Francesco Petrarca nei territori di lingua tedesca fino all‘illuminazione
College
Dresden Technical University  (Institut für Romanistik)
Course
Petrarca, Canzoniere
Grade
1,3
Author
Year
2009
Pages
15
Catalog Number
V134386
ISBN (eBook)
9783640426041
ISBN (Book)
9783640423125
File size
479 KB
Language
Italian
Tags
Francesco, Petrarca
Quote paper
Annegret Jahn (Author), 2009, La recezione di Francesco Petrarca nei territori di lingua tedesca fino all‘illuminazione, Munich, GRIN Verlag, https://www.grin.com/document/134386

Comments

  • No comments yet.
Read the ebook
Title: La recezione di Francesco Petrarca nei territori di lingua tedesca fino all‘illuminazione


Upload papers

Your term paper / thesis:

- Publication as eBook and book
- High royalties for the sales
- Completely free - with ISBN
- It only takes five minutes
- Every paper finds readers

Publish now - it's free